C’era una volta…

Andrea Asoli, rubacuori al castello.

Rubacuori by Venissa
Rubacuori by Venissa

“C’era una volta un castello incantato …”

Cominciavano così molte favole della nostra infanzia, quel periodo della nostra vita dove tutto era magico e immedesimarsi in quei racconti fantastici ci rendeva sereni. Inutile negarlo, abbiamo tutti in certi momenti nostalgia di quel tempo andato nel quale ogni tanto vorremmo tornare. A Milano c’è un posto dove rivivere quell’alchimia, dove è possibile lasciare fuori la realtà quotidiana per far posto a ricordi e fantasia.

Come nelle fiabe è un castello, lo Château Monfort. Si apre la porta e le “figure” che guardavamo affascinati sui libri diventano tridimensionali, reali, mentre noi ci trasformiamo nelle principesse e nei principi del racconto. Tutto è luminoso, grandi scaloni, marmi e vetrate, fastosi ambienti al tempo stesso tanto rassicuranti da farci sentire a casa. Ma lo stupore non finisce con queste splendide visioni, al contrario continua ai tavoli del castello.

menu a3

Un bel ristorante? No, un’altra pagina della favola da gustare con gli occhi e con il palato. Saloni che evocano gli ambienti dove le famiglie blasonate si radunavano a pranzo e cena, specchiere, porcellane, fini tappezzerie. E le sorprese non finiscono. Dalla cucina esce lo Chef, Andrea Asoli, personaggio giovane, sguardo dolce e modi delicati, un anti-divo a dispetto dell’impressione che abbiamo maturato guardando i suoi colleghi nei programmi in tv. E’ romano e dopo gli studi, molta gavetta ed esperienze ha lasciato la capitale per Venezia dove insieme ad altri giovani come lui ha portato il ristorante Venissa a ottenere una stella Michelin. Ora il suo regno è il Rubacuori by Venissa. Qui guida una brigata altrettanto giovane, “sottovoce”, come ama precisare, perché l’armonia del gusto di un piatto passa attraverso la serenità di chi l’ha preparato e l’ha amato al punto da renderlo un capolavoro.

Guardando le sue preparazioni si ha la sensazione di trovarsi di fronte a delle vere opere d’arte. I più esperti riconosceranno le molteplici tecniche impiegate ma per tutti è la raffinata bellezza della presentazione a colpire, ancora prima dei ricercati sapori. Il Rubacuori porta a Milano l’eredità della cucina veneziana del Venissa; una vasta offerta di pesce, prodotti che arrivano direttamente dalla laguna e da produttori lombardi selezionati con la massima cura, attenzione ai particolari e l’abbinamento a etichette italiane di grande pregio per i vini.

BIANCO E ROSSO

Per vivere l’emozione del Rubacuori si può scegliere tra un pranzo (anche veloce ma con stile), una cena alla carta o un menù degustazione. Dopo la pausa estiva, a settembre, tornerà anche l’appuntamento con il brunch della domenica, sempre tra gusto e bellezza. E a proposito di bellezza, lo Chef Andrea Asoli confessa che dal suo punto di vista sono gli antipasti i maggiori esponenti di questa caratteristica, d’altra parte è il primo piatto che si riceve a tavola, il biglietto da visita del ristorante, la chiave delle nostre aspettative.  Grazie quindi al talento tutto italiano di Andrea, alla sua dedizione per la nostra arte culinaria e, malgrado la fatica e l’impegno che richiede questa professione, alla sua determinazione a rendere il ristorante Rubacuori un punto di riferimento in città per milanesi e non.

Paola Drera

Ristorante Rubacuori By Venissa
Château Monfort - Corso Concordia 1, - 20129 Milano (Italy)
Tel: +39 02 776761 - Fax: +39 02 77676832
E-mail: info@ristoranterubacuori.info
www.ristoranterubacuori.it
SOCIAL FB
No Comments Yet

Comments are closed