LIVE_728x90

Tania Cagnotto, l’angelo azzurro

Manca davvero poco alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici 2016. Aspettiamo tutti di vedere cosa si sarà inventato il Brasile per stupirci ma soprattutto aspettiamo con ansia di assistere alle imprese dei nostri atleti. Tra loro, una che ci sta particolarmente a cuore, è Tania Cagnotto. Figlia d’arte (padre campione olimpico e ora suo allenatore insieme a Oscar Bertone, mamma ex azzurra della stessa specialità), 31 anni, quinta olimpiade e tante vittorie nelle varie competizioni da non poter tenere neanche il conto, Tania è pronta per rappresentare una volta di più l’Italia, purtroppo – per sua scelta – l’ultima.

Lei è il nostro “angelo azzurro”, quella figura esile e sicura che si avvicina al bordo del trampolino e si lancia prima nell’aria per poi entrare in acqua. Nel momento dello stacco, quando abbandona quella passerella, noi cominciamo a trattenere il fiato, fino a quando riemerge dal profondo celeste della piscina.

Con il suo sport, scritto nel DNA, ha un rapporto intimo, ma svestiti i panni dell’atleta, com’è la relazione di Tania con quella routine di cura di sé stessa che la accomuna a tutto il genere femminile?

Abbiamo avuto l’opportunità di chiederglielo in occasione della sua partecipazione alla presentazione di Simply Gloss presso il salone Brera 13, ed ecco cosa ci ha risposto.

D: Tania Cagnotto è una giovane donna di grande talento sportivo ma anche di indiscussa bellezza. I suoi impegni le consentono di prendersi del tempo per la cura di sé?

R: Prima di tutto grazie per i complimenti! Direi che per una donna prendersi cura di sé sia fondamentale e per questo trovo sempre con piacere il tempo di fare qualcosa: mettere semplicemente una crema, fare un massaggio e curare i miei capelli ecc.

D: Stando così tanto tempo nell’acqua clorata delle piscine mette a dura prova pelle e capelli; alla fine degli allenamenti ricorre a prodotti particolari ai quali è fedele o, come spesso capita alle donne con poco tempo, utilizza la prima cosa che ha a disposizione?

R: Non sono solita usare la prima cosa che ho a disposizione. Quello che non manca mai per il viso e per il corpo sono le creme Vegetal-Progress, è molto che le uso e mi trovo benissimo. E poi da poco ho scoperto il Simply Gloss di Nika che rende più brillanti e luminosi i miei capelli stressati e spenti dal molto cloro e uso del phon.

D: La trasferta a Rio de Janeiro per le Olimpiadi naturalmente ha come priorità la performance sportiva ma porta con sé anche prodotti di make-up per le occasioni fuori vasca?

R: Assolutamente si, anche se non so quanto tempo possa dedicare alle occasioni fuori vasca !!! È la mia ultima Olimpiade e sarò concentratissima fino alla fine sulle gare. Sicuramente quello che non mancherà sarà un prodotto per proteggere al meglio la mia pelle e i miei capelli.

D: Ci sono atlete come la tennista Serena Williams per esempio che hanno grande cura del loro aspetto in ogni occasione; Tania Cagnotto abbraccia questo modus vivendi o è più una ragazza “acqua e sapone”? 

R: Mi definirei più una ragazza acqua e sapone, ciò non toglie che mi piace curare il mio aspetto senza strafare …

Ringraziamo Tania e a questo punto teniamo le dita incrociate per lei in modo che “strafare” diventi la parola d’ordine di queste Olimpiadi 2016.

Vola Tania! Non solo con quell’aereo che ti porterà tanto lontano da casa verso il Brasile, ma vola per tutti noi su quel podio carioca e poi su quell’altare che ti aspetta a settembre per le tue nozze.

Paola Drera

No Comments Yet

Comments are closed