Chanel n.5 semplicemente l’Eau

CHANEL N°5 L’EAU: LA RINASCITA DI UN MITO. 

Olivier Polge ha reinventato il N°5.

Chanel è probabilmente la maison più celebre al mondo. I tailleur in tweed di Gabrielle Chanel, i lunghi fili di perle, le borsette trapuntate sono ormai icone nel mondo del fashion, ma c’è qualcosa, ovviamente anch’essa siglata con la doppia C di Chanel, che li batte in popolarità: parliamo di Chanel N°5, non una semplice fragranza, ma il profumo per eccellenza.

Femminile, elegante, moderno, Chanel N°5 ha attraversato quasi un secolo senza mai smettere di rappresentare un cult per le donne.

I profumieri sono da sempre ispirati da questa epocale fragranza, e cercano di renderla al passo con i tempi senza mai tradirne la storia. Oggi, il profumiere Olivier Polge presenta N°5 L’EAU, la reinterpretazione attuale di un colosso come Chanel N°5.

chanel-paris-5

Il segreto di questa nuova edizione sta nell’equilibrio e nella freschezza. Le note agrumate di arancia, limone e mandarino vengono enfatizzate dalle aldeidi, che ne celano la metallicità; poi, gli agrumi si intrecciano a un leggero bouquet di fiori: la rosa, il gelsomino ossigenato e una nuova frazione dell’ylang ylang creano un profumo vellutato e delicato, che prepara il naso alla scossa data dalla vibrante scia finale, composta da vetiver, cedro e muschio.

Chanel N°5 L’Eau: un packaging cristallino

La preziosa, iconica, moderna fragranza è contenuta in un flacone in vetro cristallino, lineare, limpido, minimale, su cui una semplice etichetta riporta nient’altro che l’essenziale, ovvero il nome di N°5 L’EAU.

Chanel N°5 L'Eau

Il flacone è protetto da una confezione bianca con profili neri, su cui è inciso il leggendario 5 che rappresenta la fragranza e la stessa maison Chanel. Infine, un’ultima confezione, bianca, in cui il profilo del flacone viene elegantemente riprodotto in rilevo giocando con luci e ombre, contiene il tutto.

L’eleganza dell’essenzialità, della semplicità, è più evidente che mai in N°5 L’EAU. Resta fedele alle sue origini, ma si riveste per noi, donne del 2016. Ve ne innamorerete.

Federica Miri

No Comments Yet

Comments are closed