Benvenuti nel futuro con Ultimune di Shiseido

Shiseido quest’estate ci porta nel futuro!

Nel quartier generale di Giza, infatti, l’azienda ormai centenaria ha deciso di puntare su un concetto ancora inesplorato dalla cosmetica: l’autodifesa cutanea. Sappiamo già che la pelle possiede un proprio sistema di difesa dalle aggressioni quotidiane, ma sappiamo anche che spesso questo scudo naturale non è sufficiente e tende a disattivarsi con l’età. Shiseido vuole mantenere questo sistema attivo per preservare la bellezza e la salute della pelle: per questo il brand giapponese sta lanciando Ultimune, il primo attivatore del sistema di autodifesa cutanea al mondo.

La ricerca Shiseido crea Ultimune, il primo attivatore del sistema di autodifesa cutanea

Ultimune è frutto di vent’anni di ricerca scientifica: è dal 1991 che Shiseido e il CBRC (Cutaneous Biology Research Center) di Harvard studiano le cellule di Langerhans, sentinelle del sistema di autodifesa della pelle. Queste cellule pattugliano la pelle per difenderla dagli attacchi esterni e svolgono un’azione anti-infiammatoria grazie agli enzimi CD39, in grado di rilevare quando stress o agenti nocivi stanno aggredendo la pelle e di funzionare di conseguenza come agenti sedanti. L’invecchiamento e le aggressioni quotidiane però tendono a far diminuire questi enzimi, indebolendo la barriera protettiva della pelle che quindi inizia a sviluppare imperfezioni. Ultimune agisce proprio qui: cerca di mantenere alto il livello di enzimi antinfiammatori per stimolare la pelle a difendersi da sola. In questo modo è la pelle stesse a rallentare i processi di invecchiamento e a reagire alle aggressioni esterne, tornando quindi rigenerata, compatta, radiosa.

 Ultimune: la tecnologia al cuore di una nuova beauty routine

Al cuore dell’efficacia di Ultimune ci sono due tecnologie. La prima è quella di Ultimune Complex™, il complesso tecnologico riconosciuto da nove brevetti internazionali come il primo in grado di agire direttamente sulle cellule di Langerhans ripristinandone le funzioni indebolite. Questo complesso è una sinergia di tre principi attivi: l’Acqua di Rosa Bulgara, l’Aqua-in-Pool e i -glucani, che lavorano per stimolare la produzione di collagene, favorire l’idratazione e rinforzare la barriera cutanea. Accanto all’Ultimune Complex™ c’è Eastern Western Herbs, un cocktail vegetale che protegge la pelle da impurità e ossidazione causate dai fattori ambientali grazie ai suoi tre ingredienti: l’Estratto di Gingko Biloba antiossidante, il Perilla e il Timo Selvatico anti-batterici. Ultimune diventa così il cuore di una nuova beauty routine: questo prodotto universale – adatto a donne e uomini di ogni età e con ogni tipologia di pelle – va infatti applicato mattina e sera, dopo aver preparato la pelle con un detergente e una lozione riequilibrante e prima di applicare i trattamenti specifici per i propri inestetismi, di cui Ultimune andrà ad amplificare l’efficacia.

Ultimune: efficacia, estetica, sensorialità

Ultimune non è solo efficace, ma anche sensoriale e di design. La texture è frutto di centinaia di test svolti dalla specialista Minako Ando, che si è impegnata a creare la consistenza più ricca e concentrata ma di immediato assorbimento che fosse possibile. Al piacere della texture universale si affianca anche la fragranza aromaterapeutica creata dall’esperto Tomodori Ueda: il profumo floreale e verde è rilassante e al contempo energizzante grazie alle note di Rosa, che riducono lo stress, e al Loto, che favorisce il recupero della barriera cutanea. Infine, Taisuke Kikuchi ha creato il packaging di Ultimune con un design funzionale ed ergonomico, ma anche moderno e minimal: il rosso è un tributo a Shiseido e le curve ricordano le forme della natura, da sempre fonte di ispirazione per il marchio, mentre l’unione di tutti gli elementi del flacone rappresenta la vitalità che si riaccende quando si utilizza questo prodotto esclusivo.

Ultimune: la campagna

Anche la campagna di questa innovazione firmata Shiseido sarà un’ode al potere dell’autodifesa. Vi avevamo già raccontato della scelta del brand di collaborare con le ballerine AyaBambi per la promozione di Ultimune: le incredibili ed energiche coreografie del duo sono infatti perfette per trasmettere visivamente il messaggio di Ultimune. Vediamo quindi le AyaBambi, immortalate dal fotografo Jacob Sutton, rivisitare alcune mosse del karate – l’arte marziale dell’autodifesa per eccellenza, frutto del connubio tra precisione e forza interiore – con una danza robotica ma sorprendentemente fluida, girata in bianco e nero per sottolineare la precisione e la perfezione dei loro movimenti.

Federica Miri

#selfdefensenow
SOCIAL FB
No Comments Yet

Comments are closed