LIVE4_728x90

Svizzera, un secolo di turismo

Della Svizzera abbiamo parlato più volte sul nostro magazine quest’anno, ma è inevitabile continuare a parlarne dato che come ricorderete questo è l’anno festeggia i suoi 100 anni l’ente del turismo elvetico.

Svizzera “la Natura ti vuole”

Le iniziative di promozione territoriale non finiscono, e dopo avervi raccontato la tradizione turistica e le bellezze del Ticino, passiamo a parlare della natura prendendo spunto dalla nuova campagna estiva ‘’La natura ti vuole”.

Vogliamo oggi porre la nostra attenzione sul lato “selvaggio” della Svizzera, sul suo cuore di natura, che richiama da sempre appassionati della vita en plein air da tutto il mondo; con le sue acque cristalline, un luogo dove l’uomo e la natura si danno del tu.

Tante le cosa da fare e da apprezzare in Svizzera, innumerevoli i modi per passare il tempo e magari conoscere qualcosa di nuovo. Sono ben 19 le aree protette che hanno ottenuto il marchio di parco da parte dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM).

Il Parco Nazionale Svizzero, il più antico d’Europa, è un punto privilegiato per osservare la fauna alpina nel suo ambiente naturale. Potrete osservare gli animali nel loro ambiente naturale, nelle loro abitudini; Lo stambecco tra tutti, il re delle Alpi, salvato dall’orlo dell’estinzione è ora presente anche sul monte Niederhorn, sopra il lago di Thun.

Tra le attività più apprezzate dai turisti troviamo la preparazione del famoso formaggio Gruyère DOP insieme alla famiglia Murith, ai piedi del Moléson, oppure macinare la “farina bona”; una vellutata farina di mais che costituiva la dieta base delle famiglie povere nella Valle Onsernone. Ma non finisce qui. Se siete curiosi, potrete scoprire i segreti del pane di segale del Vallese a Grimentz, magari soggiornando nel vicino Reka Holiday Village di Zinal; senza dimenticare lo squisito liquore d’assenzio della Val de Travers.

Altra esperienza che è possibile vivere è quella di mettersi al timone di un antico battello a vapore sul lago di Ginevra, oppure per chi s’imbarca al mattino presto, uscire sul lago di Costanza con i pescatori per una giornata di pesca; e perché no, fare magari una gita in canoa al tramonto nella baia di Lucerna.

Attività sportiva molto interessante è il canyoning nella Via Mala vicino a Thusis.

Per gli amanti del bird-watching invece, luogo ideale  è il punto d’incontro tra le i fiumi Aare, Reuss e Limmat, un vero paradiso per gli amanti del genere.

Escursioni e vita nella natura

Gli amanti della natura  e delle passeggiate, possono partecipare a un’escursione nell’Entlebuch per scoprire la distesa di rocce sullo Schrattenfluh, oppure avventurarsi sotto terra in un mondo fatto di stalattiti e ‘sculture’ calcaree.

Chi vuole scoprire “l’oro degli stolti” (pirite) può andare a caccia di cristalli e altri minerali nella Binntal (Valle di Binn).

Tutta questa natura può essere vissuta in un modo ancora più intenso grazie agli alloggi selezionati da Svizzera Turismo. Gli alloggi sono tutti in piena natura; È dopo aver trascorso un soggiorno qui, tra relax e natura, che vi sentirete davvero rigenerati.

Gli hotel situati in montagna, in campagna o sulle rive di un lago sono di diversa categoria per accontentare tutti: il Domaine de Châteauvieux a Satigny, una casa padronale del XIV secolo fra i vigneti; il villaggio turistico per famiglie Reka a Zinal, in Val d’Anniviers; l’Hotel Fex nella valle, chiusa al traffico, alle spalle di Sils in Engadina. In aggiunta a questo ventaglio di offerte, i rifugi per escursionisti – gestiti dal Club Alpino Svizzero o da privati – e ben oltre 250 baite che possono essere affittate per una o più settimane in Ticino, Grigioni, Vallese e Oberland Bernese.

Festa Svizzera delle Tradizioni dal 26 agosto al 3 settembre, Interlaken

Un evento da non perdere questa estate, che torna dopo 11 anni (la prima festa di Unspunnen risale al 1805 quando la Svizzera era sotto il dominio francese), è la festa svizzera delle tradizioni; Un evento dove giovani e meno giovani provenienti da tutta la Svizzera, si riuniscono a Interlaken per celebrare insieme la Festa Svizzera dei costumi e delle tradizioni alpigiane Unspunnen. L’evento è distribuito in un arco di nove giorni tutti dedicati a folklore e sport tradizionali quali: il lancio delle pietre, lo schwingen (lotta svizzera), l’hornuss (un mix tra golf e tennis) e il rituale degli sbandieratori; Il tutto accompagnato da bella musica popolare che crea la giusta atmosfera per un evento di questa portata.

Buon Viaggio !

Luca Ferri

IMMAGINI. Copyright by: Switzerland Tourism – By-Line: swiss-image.ch/Andre Meier

Maggiori info:
www.svizzera.it/estate
www.myswtizerland.com/allogginellanatura
www.svizzera.it/osservazioneanimaliselvatici
www.svizzeramobile.ch
http://www.myswitzerland.com/it-it/pages/landingpages/2017-unspunnen.html

#INNAMORATIDELLASVIZZERA

Twitter: @myswitzerland_i

Facebook.com/myswitzerland

Instagram: myswitzerland

No Comments Yet

Comments are closed