La street art di Banksy colpisce al cuore

Oggi 21 novembre 2018 apre a Milano l’attesissima mostra non autorizzata dall’artista: The Art of Banksy

Autore: Banksy – Titolo opera: Love Is In the Air (Flower Thrower) Anno: 2003 – Tecnica: Limited edition screenprint Misure: 50 x 70 cm Collocazione: Butterfly Art News Collection Credito fotografico: Butterfly Art News Collection

Banksy, artista e writer inglese, è considerato uno dei maggiori esponenti della street art contemporanea: la sua fama non è dovuta solo all’arte ma anche alla sua identità, che a oggi rimane sconosciuta.

Dell’autore si sa solo che è nato a Bristol e nient’altro, alimentando così una grande curiosità ma anche tanto mistero, rendendolo un vero e proprio mito dei nostri tempi.

Con un tempismo perfetto, visti i recenti avvenimenti a Londra, la mostra verrà inaugurata al MUDEC di Milano

Nonostante l’ultima provocazione di Banksy, verificatasi nel corso di un’asta a Londra, durante la quale il celebre quadro “Ragazza con palloncino”, dopo essere stato venduto per oltre un milione di sterline, si è “autodistrutto”, con un trita documenti nascosto all’interno della cornice, eliminando gran parte della tela.

Autore: Banksy – Titolo opera: Girl with Red Balloon Anno: 2004 -Tecnica: Limited edition screenprint Misure: 66 x 50 cm Collocazione: Butterfly Art News Collection Credito fotografico: Butterfly Art News Collection

La mostra “The Art of Banksy. A visual protest” al MUDEC Museo delle Culture è un percorso insolito, che raccoglie circa 80 lavori, proponendo al pubblico un occhio indagatore sulla vita dell’artista.

Fornendo ai visitatori una chiave di lettura per apprezzare e comprendere le varie culture del mondo e i grandi temi della contemporaneità, che Banksy rappresenta nelle sue opere.

Attraverso delle video installazioni si racconteranno i movimenti che hanno dato vita a forme di protesta con l’utilizzo di parole e immagini, di cui l’artista fa un esplicito riferimento nelle sue modalità espressive.

L’esposizione si articolerà in quattro sezioni, portando a una riflessione critica su quale potrà essere in futuro la collocazione di Banksy nella storia dell’arte

Si indagherà il messaggio e la poetica che si ritrovano nella serie di lavori chiamati “Modified Oils”, in cui Banksy mescola generi e periodi, intervenendo su opere spesso già esistenti e conosciute, con l’inserimento di alcuni elementi estranei.

Si prenderà in esame la tecnica preferita dell’autore, lo Stencil, affinata dall’artista per poter realizzare opere illegali con una notevole velocità e riuscire a renderli ancora più elaborati.

I murales di Banksy verranno presentati nella loro collocazione originaria, in luoghi dei cinque continenti: nei suoi quadri il “Genius Loci” è una componente fondamentale.

Il suo lavoro ha come fulcro la relazione con il paesaggio umano, utilizzato dall’artista nei sui quadri, rappresentando molto spesso zone difficili o di conflitto.

Come gli street artist della sua generazione, Banksy accentua il contenuto dei messaggi politici e sociali in maniera esplicita, spostando il messaggio dalla forma al contenuto”.

Gianni Mercurio, curatore della mostra al MUDEC, con queste parole evidenzia come la sua arte e le sue opere si manifestano come un’esplicita provocazione nei confronti dei politici, delle istituzioni e del potere, nei confronti delle guerre, del conformismo e del consumismo.

La morale dell’artista inglese mostra una sua chiara presa di posizione contro il sistema dell’arte contemporanea, visibile in particolare nel suo stile forte e deciso da un punto di vista sociale. Una mostra imperdibile di un artista dalla figura già leggendaria.

Valeria Magni

Il MUDEC, dal 27 novembre fino al 15 gennaio 2019, proporrà una campagna di comunicazione legata alla mostra che prevede l’affissione in giro per la città di 660 manifesti (140×200 cm) per dare la possibilità, agli artisti che vorranno esprimersi, di trasformare il manifesto in un’opera.

Ogni 15 giorni verranno affissi 220 manifesti, pronti a ospitare le creazioni degli artisti. Poi, come da regolamento comunale, i manifesti verranno sostituiti per dare spazio alle nuove creatività; lo stesso destino, del resto, che subiscono le opere di alcuni street artist, godute solo da poche persone prima della loro cancellazione, strappo, distruzione o furto.

MUDEC - Museo delle Culture
Via Tortona 56 - Milano - Italy
www.mudec.it

Periodo della mostra: dal 21 novembre 2018 al 14 aprile 2019

Facebook: MUDEC -  Museo delle Culture
Twitter: #mudec
Instagram: @mudecmi
#mudec #banksy #milano #artecontemporanea #mudecmilano #streetart
No Comments Yet

Comments are closed