“Aprire” lo sguardo

Hai mai pensato di dedicare del tempo alle sopracciglia?

Gli occhi sono stati, per mesi e mesi l’unica parte visibile del nostro viso. E allora vediamo come “aprire” lo sguardo lavorando sulle sopracciglia grazie a Benefit, ai suoi Brow bar e a prodotti specifici

Il marchio è nato a San Francisco nel 1976 per mettere al centro dei suoi trattamenti proprio questa parte del viso. L’intuizione è di due donne, le gemelle Jean e Jane Ford, originarie dell’Indiana e di professione make-up artist.

La fortuna e il lancio di una moneta le hanno poi portate in California con l’idea di portare avanti un approccio nuovo alla bellezza. Oggi Benefit guarda al futuro grazie alle nipoti delle co-fondatrici Maggie e Annie Ford Danielson.

Tornando alla cura dello sguardo, il primo trattamento da provare è quello della laminazione che serve a fissare e rimpolpare le sopracciglia con un effetto che dura fino a 6 settimane. Per ottenere il risultato migliore per ogni viso, si parte con un esame della forma esistente, dopo averle pettinate verso l’alto. Dopo, inizia la fase di trattamento e fissaggio che può essere mantenuto a casa grazie all’uso di 24 HR Brow set.

Vediamo di capire meglio cosa si intende per laminazione. È un trattamento per “stirare” e sollevare verso l’alto i peli delle sopracciglia mettendoli in piega per poi orientarli in modo da “aprire” lo sguardo. Quindi, in caso di sopracciglia particolarmente ricce e difficili da gestire, la laminazione renderebbe i peli più morbidi e disciplinati. Nel caso, invece, di peli che tendono verso il basso, la laminazione permette di riportarli verso l’alto e di mantenere questo orientamento.

Questo tipo di trattamento, inoltre, si adatta anche alle sopracciglia molto sottili e rade dal momento che orientarle verso l’alto significa creare un effetto ottico che le fa sembrare più spesse e con un’arcata più folta.

La laminazione, in uno qualsiasi dei Brow bar di Benefit, ha una durata di 45 minuti.

Include l’epilazione, lo styling delle sopracciglia e, a seconda delle necessità, anche la tinta. Il lavoro si suddivide in tre fasi: lift, fix e applicazione di un siero ultra nutriente a base di cheratina.

Il risultato finale ha una durata che varia dalle 6 alle 8 settimane con la sola accortezza di non bagnare le sopracciglia nelle 24 h successive al trattamento. Nei giorni seguenti, si raccomanda quindi di usare prodotti che le mantengano ben idratate utilizzando, a esempio, l’olio di ricino.

Un altro alleato del mantenimento è 24-H Brow Setter, un gel fissante trasparente che permette di mantenere i peli nel verso fissato con la laminazione.

Il trattamento avviene all’interno dei Brow bar nati apposta per la cura delle sopracciglia. Dallo scorso mese di giugno il marchio ne ha inaugurati ben due in Italia: a Casalecchio (BO) e a Rozzano (MI).

Tra i servizi offerti, oltre alla mappatura di cui abbiamo già parlato, è disponibile anche il servizio trio che comprende tinta ed epilazione, anche per il labbro.  

Dal trattamento ai prodotti per il make-up il passo è breve. Ecco, allora che per dare volume possiamo fare affidamento su due alleati per un effetto a tutto volume: il gel Gimme Brow e la prima matita con microfibre derivate dall’albero della seta. Grazie alle sue microparticelle di polvere, le sopracciglia acquistano, fin da subito, morbidezza e un aspetto decisamente più pieno.

I test condotti su chi lo ha provato hanno rilevato più volume nel 97% dei casi, una durata fino a 12 ore e un’applicazione facile e piacevole, resa possibile dalla doppia presenza della mina, che si declina in ben 12 nuances, e di un pratico scovolino. Per i ritocchi c’è anche Precisely my brow pencil, una matita dalla mina ultrafine.

Dal Brow bar alla matita volumizzante, nuova vita per le sopracciglia.

Antonella Di Vincenzo

e -shop
  
error: il contenuto è protetto.