Ti va di ballare? Danza in Fiera ti aspetta

Torna a Firenze l’evento più frizzante dell’anno: Danza in Fiera

C’è chi ha imparato a fare i primi passi con un body e le mezze punte, sognando di diventare un’etoile; chi ha scoperto la danza con la maturità, ma non con meno passione; c’è chi ama il balletto classico, tutto rigore e disciplina, chi la danza moderna o contemporanea, il tip-tap, il flamenco, i balli di coppia o altri sottogeneri. Danza in Fiera, giunto alla sua XXIII edizione, nella splendida cornice della Fortezza da Basso a Firenze, permetterà, dal 22 al 25 febbraio, a professionisti o dilettanti di diventare anche solo per un giorno una stella danzante.

Non danza ma danze

Questa volta oltre alle decine di discipline diverse in cui cimentarsi, Danza in Fiera permette di scoprire lo Zouk, un nuovo ballo di coppia di origine brasiliana, caratterizzato da movimenti lenti e sinuosi. Oppure, la Blindly Dancing, una danza al buio ideata nel 2013 dalla danzatrice cieca Elena Travaini e da Anthony Corollo, suo compagno nella vita e nel ballo.

Altra novità sarà la danza orientale in gravidanza, ideata per le donne in attesa a partire dal quarto mese di gravidanza: consente un contatto più forte con il bambino e permette di fortificare il corpo, favorendo la circolazione. La danza Orientale mamma – figlia, invece, è stata studiata per le donne che vogliono tenersi in forma senza rinunciare al tempo da trascorrere con i propri figli.

Danze da tutto il mondo

Sufi
Flamenco arabo

A Danza in Fiera potrete provare, inoltre, le danze Sufi (di origine turca), che permettono con i volteggi di trovare equilibrio con il proprio corpo insegnando a gestirne il peso. O, ancora, cimentatevi nelle danze indiane come il Kathak e il Bolliwood o in quelle nepalesi, fino alle speciali contaminazioni come il Bohemian gipsy e il Flamenco arabo.

Non di minore rilevanza a Danza in Fiera lo Swing e i balli vintage come il Balboa, una variante del Lindy Hop, che si basa su piccoli passi ravvicinati o, ancora, l’Acro Duo, contrassegnato da figure acrobatiche eseguite in pista da un porteur e un agile. La lezione combina forza, resistenza, flessibilità ed equilibrio e necessita che tra i partner ci sia una forte fiducia reciproca.

Mens sana in corpore sano

Durante Danza in Fiera un intero padiglione sarò poi dedicato al benessere. Provate il Bodycode System, un metodo di allenamento ideato dal maestro Pino Carbone, trainer di Roberto Bolle da oltre un ventennio: grazie al Bodycode riuscirete a potenziare elasticità e forza, oltre a ottenere una più generale consapevolezza del vostro corpo. Oppure optate per l’Hiit Ballet, il rivoluzionario protocollo di allenamento messo a punto dal ballerino e coreografo Jose Perez, che ha introdotto strumenti Hi Tech nelle sale di danza: pedane propriocettive che simulano terreni differenti e diversi livelli di instabilità su cui eseguire esercizi a corpo libero e coreografie. Il suo metodo, studiato per i ballerini classici, è adatto anche a chi vuole recuperare in breve tempo tonicità muscolare e forma fisica.

Lasciatevi ispirare anche dall’Olit Barre, un allenamento olistico lento e controllato grazie all’uso della sbarra, che unisce elementi di danza, tai chi e yoga. Si lavora sull’equilibrio, sul controllo della respirazione e sulla concentrazione ed è adatto non solo ai ballerini ma a persone di qualsiasi età.

Grande spazio a Danza in Fiera sarà destinato anche a quelle discipline studiate per valutare eventuali squilibri delle articolazioni e correggere errori di postura, come il Training for flexibilty® in cui si fondono elementi di sbarra a terra, pilates e stretching.

Renata De Sandro


SOCIAL FB
Danza in Fiera 2018: 22/25 febbraio 2018, Firenze - Fortezza da Basso
Orari: Giovedì: 15.00–20.00. Venerdì, sabato e domenica: 9.00–20.00
Info: 0574 575618 - www.danzainfiera.it - info@danzainfiera.it
Ingresso: 15€ 1 giorno / 40€ 4 giorni / 10€ ridotto per bambini 8-12 anni
Gratuito: diversamente abili, bambini sotto gli 8 anni
#dif2018 @danzainfiera
No Comments Yet

Comments are closed