Collezione Resort, leggenda e magia

View Gallery 19 Photos

Lisa Corti ci fa scoprire il valore del tempo perduto

Lisa Corti, la designer milanese dall’ispirazione orientale, lancia la sua prima collezione Resort 2020

Nata e cresciuta in Etiopia, trapiantata a Milano, innamorata dell’India: un crogiolo di culture e paesi sta dietro a Lisa Corti, la designer che ha dato vita all’omonimo Home Textile Emporium, azienda che crea tessuti unici per una linea personalissima di arredamento di abbigliamento per donna e bambino.

Ogni stoffa è disegnata personalmente da Lisa Corti, che invia poi la sua creazione in India

Qui degli artigiani specializzati utilizzano tecniche antichissime per produrre i tessuti.

Il cotone viene infatti filato all’arcolaio e poi stampato a mano con l’antica tecnica del blockprint: dei blocchi di legno, incisi e intinti ognuno in un colore diverso, vengono applicati sulla stoffa uno dopo l’altro, formando il disegno con una lenta e precisa stratificazione.

Oggi i preziosi tessuti Lisa Corti hanno dato vita a una bella novità: la prima collezione Resort del brand

Capi classici e iconici, disegni nuovi ed esotici con cui rincorrere l’estate anche in inverno

Oriente e Occidente, tradizione e contemporaneità, raffinatezza e indossabilità, il tutto filtrato dallo stile unico e personale di Lisa Corti: la nuova collezione Resort della designer è tutto questo e anche di più.

La collezione Resort: tra valori antichi e tessuti preziosi

Con la sua prima collezione Resort, la designer vuole farci assaporare il valore del tempo perduto, delle tradizioni che vengono da lontano, di valori come la famiglia, la protezione e la gioia. Il tutto intriso di misticismo, leggenda e magia.

La seta è il tessuto protagonista: insieme a cotoni impalpabili e mussola finissima, è il tessuto perfetto per coprirsi con leggerezza nelle zone più calde del globo.

Le nuove stampe create da Lisa Corti

Questi tessuti già preziosi sono resi ancora più importanti dalle stampe, in particolare dai due nuovi disegni creati da Lisa Corti.

Il primo è Ramage Chinz, nato da un frammento di un vecchio Chinz indiano: un particolare tessuto lucido creato attraverso innumerevoli passaggi. La rivisitazione firmata Lisa Corti riproduce fiori e frutta nelle tonalità del blu, del rosso, del giallo e del verde, e vuole ricordare appunto l’arte indiana di creare tessuti-capolavori.

La seconda stampa è Tibetan Dragon Tiger e, già dal nome, ci porta verso il Tibet. Qui la mitologia e l’arte tradizionali sono caratterizzate dalla simbologia della tigre, che rappresenta la forza: per questo veniva utilizzata come ornamento da re e guerrieri, ed era considerata come un animale dal potere curativo dai guaritori. Lisa Corti fonde l’iconografia della tigre con quella del drago, che in Oriente è simbolo di ricchezza e fortuna.

Capi iconici con tocchi di freschezza

Il mix di stampe uniche e tessuti preziosi dà vita a una collezione fatta di pezzi unici, intrisi di storia e passione, da conservare per un’occasione importante o da reinventare per la vita di tutti i giorni.

Il modello must è senza dubbio il kaftano, proposto in diverse varianti, tutte caratterizzate dalle linee fluide che scivolano sul corpo. Ci sono poi le kurte, da indossare sopra ai pantaloni bianchi, e le camicie dalla linea europea, perfette per un abbigliamento casual. Fa la sua figura anche Panarea, il nuovo abito wrap che lascia la schiena scoperta.

Magia anche a casa, con la collezione Home

E non dimentichiamo la collezione Home di Lisa Corti: una linea di teli, trapunte, tovagliette, cuscini, federe e tessuti d’arredamento con cui dare un tocco di colore esotico e mistico alla casa.

Federica Miri

www.lisacorti.com
@lisacorti_official
No Comments Yet

Comments are closed