Brivido e tradizione

In Basilicata il ponte dei record

Nel parco del Pollino il passaggio tibetano più lungo al mondo regala panorami mozzafiato ed emozioni forti, a Matera, perla dell’Unesco, le sequenze più adrenaliniche dell’ultimo James Bond

Innovazione, fascino ‘estremo’, tradizione e cultura nella sempre più ricca offerta turistica lucana

Ponte Castelsaraceno ©APT Basilicata

La straordinaria bellezza della regione, la sua varietà di panorami, il suo patrimonio culturale e, in una parola, il suo appeal turistico sono ormai celebri.

Non sono sfuggiti nemmeno a Lotus Production, il colosso cinematografico che, per le gesta dell’ultimo James Bond, ha scelto proprio le rocce a strapiombo, la vegetazione e lo scenario unico al mondo dei Sassi di Matera.

Un brivido tira l’altro. Mentre il kolossal “No time to die” si preparava a irrompere nelle sale cinematografiche di tutto il mondo, dando ulteriore fama planetaria alle bellezze lucane, ecco, in Basilicata, la novità mozzafiato dell’estate: il ponte tibetano più lungo del mondo. 586 metri di lunghezza, 80 di altezza, 24 tonnellate di acciaio in struttura, 1160 passi al cardiopalma, si trova a Castelsaraceno, fra i parchi dell’Appennino Lucano e del Pollino.

Al salone Ttg di Rimini ecco dunque una Basilicata dall’offerta turistica a tutto campo, e che guarda al futuro: cultura e monumenti, mare e colline, eventi culturali e happening musicali, un’offerta enogastronomica che non necessita di presentazioni.

Ma anche, e sempre più, un ventaglio di proposte e itinerari per trekking e canyoning, equitazione e arrampicata, mountain bike e parapendio.

Il nuovo ponte sospeso sul canyon di Racanello una ciliegina all’adrenalina. Maestoso e leggero, dall’ingresso automatizzato, si percorre per sola andata, in circa un’ora, assicurati da un moschettone di ultima generazione.

Parola d’ordine, emozione. “Una Basilicata, la nostra, più attrattiva che mai – così, Antonio Nicoletti, direttore dell’Azienda di promozione turistica lucana – con un’offerta in grado di soddisfare le esigenze di turisti vecchi e nuovi. Per promuoverla stiamo ampliando i nostri canali. Matera è la porta di ingresso a un territorio che offre in pochi chilometri quadrati ogni tipo di esperienza, ma con un fattore comune: la qualità dell’accoglienza e l’autenticità dell’offerta. Anche quando innovativa”.

Obiettivo? Oggi, il turismo non stagionale. Non ha stagione la magia di Matera, muri di tufo, vicoli fra le grotte di lusso, la straordinaria vista dal belvedere su piazza Vittorio Veneto. Ben venti i minuti ambientati nella perla lucana dello 007 di Daniel Craig.

La Basilicata, del resto, aveva affascinato registi e film makers già in passato, e prestato l’armonia e l’asperità del suo paesaggio tutto contrasti alla “Passione di Cristo” di Mel Gibson come all’”Io non ho paura” di Gabriele Salvatores.

Sino all’autentica dichiarazione d’amore del fortunato “Basilicata coast to coast” di Rocco Papaleo. Fra borghi, boschi e riserve naturali un patrimonio di cultura: Matera e i suoi Sassi, Potenza, il capoluogo più alto d’Italia, Maratea gioiello del Tirreno, fortezze e castelli, reminiscenze normanne e reperti archeologici, un percorso suggestivo fra chiese e architettura religiosa.

Fra un’esperienza e l’altra una sosta a tavola, con il solo imbarazzo della scelta: lucanica e prosciutto di Marsicovetere con pane di Matera Igp, il caciocavallo podolico lucano dop, il pecorino di Filiano. Ancora i “peperoni cruschi” di Senise Igp, il fagiolo di Rotonda Dop e quello di Sarconi Igp, la melanzana di Rotonda e le Olive nere di Ferrandina. Autentiche prelibatezze il pistacchio di Stigliano e il marroncino di Melfi.

 Tutto da innaffiare con un buon vino locale: teste d’ariete il Terre dell’Alta Val d’Agri doc, il Grottino di Roccanova, il Matera doc e naturalmente l’Aglianico del Vulture.

Per un turismo rinnovato servizi all’insegna dell’innovazione. Fra le App in rampa di lancio Basilicata Freetomove, interamente dedicata al cicloturismo.

Mentre su Minecraft la nuova mappa “Metapontum” permette un viaggio virtuale alla scoperta delle bellezze del Metapontino, dalle incontaminate spiagge ioniche ai luoghi della Magna Grecia. Naturalmente, movimentato da sfide e missioni: a sedurre, oggi più che mai, i turisti più tecnologici. 

Monica Autunno

APT Basilicata, tel. +39 0971 507611 
www.basilicataturistica.com 
www.aptbasilicata.it
error: il contenuto è protetto.