Tra le verdi colline del Chianti

Un soggiorno tra olivi e vigneti del Chianti

Villa La Palagina: storia, buon cibo e benessere circondati dal verde delle colline del Chianti

Accendete i motori: oggi partiamo per una vacanza all’insegna di lusso e comfort, senza dimenticare una buona dose di pace e tranquillità, per mettere in pausa la frenetica vita di città.

La bellezza della semplicità

Siamo in Toscana alla scoperta di Villa La Palagina per un soggiorno indimenticabile

Una dimora storica, un elegante resort affacciato sulle verdi colline del Chianti dove potere respirare a pieni polmoni e godere dello spettacolo della natura.

Lusso, comfort e sicurezza sono al primo posto, ma la vera esperienza è anche quella più semplice.

Al mattino suona la sveglia, aprite gli occhi e vi trovate circondati dalla bellezza. Quella delle infinite e verdi colline e dei vigneti del Chianti.

La giornata prende il via con un tuffo in piscina o un’escursione sulle due ruote. Per i più golosi, invece, una degustazione dei prodotti della fattoria La Palagina, specializzata in vino, olio e miele è proprio quello che ci vuole per ritrovare il sorriso.

La giornata si chiude in bellezza e con gusto, con una cena nel ristorante ospitato nell’antica limonaia o, per i più romantici, sotto un cielo pieno di stelle tra i filari della tenuta.

Comfort e servizi

Villa La Palagina è una dimora storica del gruppo Human Company (gruppo fiorentino leader in Italia nell’ospitalità open air) che accoglie i suoi ospiti in piena sicurezza, nel rispetto di tutte le norme vigenti, senza rinunciare alla qualità. Quella che si respira all’interno delle camere e appartamenti privati, dove comfort e lusso sono al centro.

Piscine, terrazza panoramica, tantissime esperienze per scoprire il territorio e una proposta culinaria gourmet con un’azienda agricola interna alla tenuta che produce eccellenze a km zero.

La vacanza perfetta è nel cuore del Chianti.

Un tuffo nel passato

Villa La Palagina è nata dal restauro di un’antica dimora del XVIII secolo. Secondo la storia, in epoca medievale qui sorgeva un monastero che venne distrutto durante un terremoto.

Nel XVI secolo La Palagina divenne la dimora di molte nobili famiglie fiorentine, come i Ricasoli e i Corsini. E sembra sia stato proprio Bettino Ricasoli (1809-1880), politico italiano, agricoltore e innovatore della vitivinicoltura toscana, a creare la ricetta del moderno Chianti Classico e promuovere il Consorzio durante gli anni trascorsi a La Palagina.

Il passato si intreccia con il presente in questa dimora mozzafiato, perché è la storia a fare grandi i luoghi.

Appartamenti e ville private

Un soggiorno a Villa La Palagina è come un sogno a occhi aperti. Basta aprire le porte delle camere: Classic, Superior vista giardino, Deluxe con vista panoramica e Family, tutte in linea con gli elementi naturali dello stile toscano in cui eleganza e raffinatezza la fanno da padrone.

Per chi cerca un soggiorno più intimo e indipendente, invece, gli appartamenti di Casa dei Frutteti e le residenze private Villa Margherita e Casa Belvedere sono proprio quello che ci vuole.

Il ristorante

L’offerta gastronomica di Villa La Palagina non delude nessuno, nemmeno i palati più esigenti

Una cucina attenta alle materie prime, come quelle provenienti dalla Fattoria La Palagina e i prodotti a km zero dei piccoli produttori locali (tutti certificati e selezionati con cura).

Lo chef propone antiche ricette rivisitate in chiave moderna, tradizione e innovazione si fondono per creare piatti unici e squisiti.

Per gli amanti delle bollicine, l’offerta enologica vanta una selezione di oltre 100 etichette. Partendo dai classici della produzione toscana (rossi, bianchi e il rosato di produzione propria) fino ad arrivare ai micro produttori e i vini naturali. C’è davvero l’imbarazzo della scelta.

Un ristorante che non è solo un luogo di ristoro, ma un vero e proprio viaggio nei sapori.

Gli spazi ampi e luminosi dell’antica Limonia affacciata sulle piscine e sui filari sono la cornice ideale per una cena perfetta. Oppure, durante la bella stagione, il pranzo è servito sulla terrazza adiacente e nel giardino.

Esperienze

Greve, Radda in Chianti e le affascinanti città d’arte: Firenze, Arezzo, Siena

Ma anche mete meno conosciute come il castello di Montefioralle e Panzano, fino al Trittico di San Giovenale, prima opera del Masaccio e perla del Museo della Pieve di San Pietro a Cascia.

Un tesoro dell’arte raggiungibile, per i più sportivi e amanti della natura, percorrendo boschi, filari e strade di campagna in sella alla bicicletta.

Scenari paradisiaci e borghi tra i più belli d’Italia sono solo alcune tra le mete visitabili soggiornando a Villa La Palagina.

Itinerari di arte e cultura ma anche di gusto. Come quelli di Fattoria La Palagina che, su una superficie di oltre 100 ettari, coltiva vigneti, oliveti e alberi da frutta.

Il vino è ovviamente Chianti, l’olio, tra cui il prestigioso Laudemio, garantisce qualità e produzione propria, così come il miele.

E per i più piccoli, cosa c’è di meglio che vivere un giorno da fattore? L’esperienza della vera vita di campagna si apre con attività didattiche che fanno conoscere piante, frutti dell’orto e, ovviamente, tutti gli animali della fattoria.

Per gli adulti, invece, l’azienda agricola organizza degustazioni in cantina di olio e vino e una emozionante esperienza di cena in vigna (durante l’estate) circondati dalla bellezza della campagna toscana.

Offerta soggiorno

Villa La Palagina propone pacchetti per un soggiorno senza complicazioni in cui l’unico dovere è rilassarsi e godersi la splendida campagna toscana.

L’offerta Serenità garantisce il prezzo online più basso e la possibilità di modificare le date del soggiorno, posticipabili fino al 2021.

Per chi invece dovesse cancellare la prenotazione, lo si può fare senza penale.

L’offerta Serenità comprende anche uno sconto immediato del 25% sul soggiorno, utilizzando il codice promozionale PALAGINA25 al momento della prenotazione online su http://palagina.it/it/offers.

Villa La Palagina ti aspetta (apertura stagionale fino a ottobre 2020).

Alessandra Borgonovo

SITO WEB
No Comments Yet

Comments are closed