Tutti a tavola con lo Chef

Lo Chef stellato Giuseppe Mancino ci svela in anteprima i nuovi piatti del menù estivo de Il Piccolo Principe

“Sarto della materia prima”, così è definito Giuseppe Mancino. Chef pluristellato che crea vere e proprie opere d’arte culinaria. Una cucina di “avanguardia classica”, che parte da un unico ingrediente per portare in tavola un meraviglioso quadro di colori, sapori e perfetti equilibri.

Chef stellato per un ristorante da favola   

Chiudete gli occhi. Siete su una splendida terrazza a gustare piatti esclusivi e prelibati. Attorno a voi c’è solo il rumore del mare, con l’aria calda che vi accarezza la pelle.

Tutto questo non è un sogno. Il ristorante perfetto esiste davvero.

Ristorante Gourmet Il Piccolo Principe si trova a Viareggio all’interno del Grand Hotel Principe di Piemonte.

Un ristorante 2 stelle Michelin che accoglie i suoi ospiti all’interno di un ambiente intimo e accogliente, offrendo esclusive ricette ricche di creatività e gusto.

Un vero regalo per tutti gli amanti dell’alta cucina, che ricercano aromi unici, per un’esperienza culinaria indimenticabile.

A capo de Il Piccolo Principe c’è lo chef Giuseppe Mancino, maestro della materia prima, che ci svela in anteprima i nuovi piatti del menù estivo.

Le creazioni di Giuseppe Mancino

La nuova avanguardia in cucina non è seguire le mode per stupire con effetti speciali

Una cucina classica, profonda e incisiva nella percezione dei gusti, esaltata con la tecnica e l’attenzione anche alla presentazione estetica dei piatti è la strada intrapresa da Giuseppe Mancino.

Giuseppe Mancino viene definito il “Sarto della materia prima”, perché le sue sono creazioni che partono da un ingrediente principale, appartenente alla tradizione culinaria, e poi si “vestono” di tanti sapori che fungono da cornice perfetta, tra combinazioni di gusti e equilibri.

Oriente, Occidente, Terra, Mare, Tecnica, origini e esperienze dell’artista, vegetali, sottobosco, alta cucina, trattoria

Tagliata di Kobe

I nuovi piatti del menù estivo, come Il Kobe servito con insalata di funghi, olio al carbone, nocciole, pane fritto ed erbe amare, non sono solo un assaggio, ma un viaggio, un’esperienza diversa e indimenticabile.

“Un piatto deve essere bello e buono: è importante la ricerca del gusto, la ricetta deve trasmettere sensazioni .Una proposta, per definirsi riuscita, al primo assaggio deve subito far venire voglia di mangiare un altro boccone, ed essere una composizione armoniosa che rispecchi i sapori che sono descritti nella ricetta, ovviamente bello da vedere”.

Così Giuseppe Mancino descrive le sue creazioni

Dal Raviolo con pecorino, ricci di mare e schiuma di latte di mandorla alla Triglia di scoglio, piselli, maionese al nero di seppia, salsa al caciucco e panzanella di verdure.

Giuseppe Mancino ama anche cucinare i vegetali e su di essi ha costruito un intero menù.

I vegetali hanno mille sfumature e possibilità di lavorazione e regalano variazioni sul tema davvero sorprendenti, provare per credere.

Un esempio è il Carciofo al barbecue, tartufo nero, pecorino e tuberi croccanti.

Uno sguardo al menù

Due proposte, due menù degustazione creati in esclusiva: il menù Carte Blanche il menù Tradizione.

  • il menù Tradizione da 4 portate a Euro 99,00 a persona, bevande escluse, con piatti gourmet classici rivisitati in chiave moderna;
  • il menù Carte Blanche da 3 portate a Euro 79,00 a persona, bevande escluse, con piatti selezionati dallo Chef Giuseppe Mancino.

I menù degustazione presenti nel menù della sera sono 5: quello di mare, quello di terra, il vegetariano e due a scelta dello Chef, da 10 o da 4 portate.

Il Menù degustazione “Il Mare” include: la Triglia, le Cappesante, la Calamarata, i Ravioli, il Dentice, e la Pera.

Il Menù degustazione “La Terra” comprende: l’Uovo croccante, il Sushi toscano affumicato, il Riso Carnaroli, gli Agnolotti ripieni, il Piccione, i Formaggi e Arachidi e Mango.

Nel Menù degustazione “Vegetariano”: la Terrina di gazpacho, l’Uovo croccante, i Tortelli di cime di rapa, gli Spaghetti di grano duro, il Carciofo, i Formaggi e come dolce Vaniglia, ganache montata, sablè bretone, salsa zafferano e gel di limone.

Il Menù degustazione “A modo mio…passato e presente” è un percorso in 10 portate a sorpresa in cui lo Chef guida i suoi ospiti trasportandoli nel suo universo gustativo, olfattivo e visivo.

Anche il Menù degustazione “L’essenziale” è liberamente interpretato dallo Chef scegliendo fra i suoi piatti, e comprende 4 portate.

Conosciamo meglio Giuseppe Mancino

Lo Chef, oggi due stelle Michelin, ha mosso i suoi primi passi nel mondo della cucina fin da giovanissimo.

Classe 1980, salernitano d’origine, inizia a lavorare in pizzeria come aiuto e poi in cucina, da lì la strada è tutta in salita.

Autodidatta, approda nel 2004 a Viareggio al “Piccolo Principe” facendosi notare fin da subito con piatti unici e prelibati.

E Giuseppe Mancino è fedele a Il Piccolo Principe da 15 anni. La sua passione per questo lavoro, unita a talento e grande tecnica, gli vengono riconosciute con la seconda stella Michelin nel 2015.

Amato da tutti, pubblico e critica, viene inserito nelle più importanti guide del settore nazionali.

Ma Giuseppe Mancino ama il suo lavoro e non smette di studiare, cercare nuovi spunti per i suoi piatti e viaggiare, in cerca della giusta ispirazione.

Il suo menù si modifica e cresce, raggiungendo quello che oggi possiamo definire lo stile “avanguardia classica”, che dà enorme importanza all’armonia del piatto, alla sua presentazione e al gusto.

Ogni piatto nasce da un singolo ingrediente che Mancino sviluppa fino a costruirgli intorno sapori “secondari”. L’ingrediente viene cotto a puntino, cucendogli attorno il vestito migliore. Ecco perché molti amano definirlo “Il sarto della cucina italiana”.

Ogni piatto diventa occasione di condivisione e confronto anche con la sua squadra. Come Alessio Bachini, Sous Chef che lo affianca dal 2004.

Osservarli progettare insieme e cooperare per creare piatti speciali è un vero spettacolo. Spettacolo poi che viene riportato nelle loro creazioni, una delizia per occhi e palato.

Alessandra Borgonovo

Social FB
Info: www.ristoranteilpiccoloprincipe.it/
No Comments Yet

Comments are closed