Riaccendi il gusto a tavola

Una nuova sfida per la Cantina Venturini Baldini

La luce dorata dell’Olio Montelocco riaccende il gusto a tavola

La storica tenuta ha dato vita a una produzione di nicchia di olio extravergine d’oliva, rispondendo al desiderio e alla necessità di un territorio di tutelare e valorizzare la sua biodiversità

Il cuore dell’Appennino reggiano in Emilia Romagna, ha la naturale bellezza dell’oro, che ci fa ricordare la folta chioma biondo-rossiccia della Magna Comitissa, Matilde di Canossa, una delle figure più importanti della storia medievale grazie alla forza straordinaria con cui difese il suo territorio dalle battaglie e dagli intrighi che caratterizzarono il periodo della Lotta delle Investiture.

Proprio nel regno di colei che seppe tenere testa a imperatori e pontefici, nasce un prodotto prezioso, usato fin dall’antichità non solo come prelibatezza per le mense nobili ma anche per celebrare i riti sacri e regali e per diffondere la luce, l’olio: l’Olio di Montelocco è, infatti, l’ultima sfida dell’eccellenza e della qualità di Venturini Baldini, una delle migliori realtà vinicole nel panorama non solo emiliano-romagnolo ma anche nazionale.

Con la produzione dell’Olio Montelocco Venturini Baldini completa il condimento e il godimento culinario della loro offerta enogastronomica: l’Olio Montelocco apporta un sentore di fruttato medio-intenso, una nota erbacea di amaro e di piccante, che si sposa con il dolce agro degli aceti balsamici Aragosta, Argento e Oro e che trova il suo naturale connubio e perfetto equilibrio con la gradevolezza e la vivacità del Lambrusco. Perché, come canta il salmo 104, che inneggia agli splendori della creazione, “il vino rallegra il cuore dell’uomo, l’olio gli fa risplendere il volto”.

L’Olio extravergine d’oliva Montelocco sarà prodotto in un’edizione limitata e speciale di sole 2500 bottiglie di piccolo formato

Il nome deriva dal luogo d’origine ed è frutto di ulivi autoctoni centenari, che affondano le radici delle loro origini nel Medioevo.

L’Olio Montelocco non è solo l’avvio di una nuova produzione nel ramo di attività di Venturini Baldini e non vuole limitarsi ad essere una nuova esperienza organolettica: è un progetto di ben più ampio respiro, che abbraccia il concetto di sostenibilità e di rispetto del territorio e della sua storia.

Fin dal Medioevo era accertata la presenza di oliveti nella provincia di Reggio Emilia, della cui coltivazione se ne occupavano i monaci per ricavare olio per le lampade delle chiese, unguenti medicinali, lubrificante per la lavorazione dei tessuti.

A salvaguardia della biodiversità del territorio Emiliano-Romagnolo è stato costituito il 9 febbraio 2021 il Consorzio COER – Consorzio Olio Extra Vergine di Oliva Emilia Romagna. “In un momento così particolare – spiega Julia Prestia, dal 2015 alla guida di Venturini Baldini insieme al marito Giuseppe e nominata da poco presidente del neonato Consorzio COER – fortemente condizionato dall’emergenza epidemiologica, abbiamo voluto dar vita e trasformare in impresa, un’idea, un desiderio, ma soprattutto una necessità da tempo manifestata da alcuni produttori, per meglio tutelare e valorizzare l’Olio Extravergine di Oliva, il territorio e la cultura dell’Emilia Romagna”.

Ci piace intravedere in Julia Prestia la tradizione matildica di questa terra che, grazie alla personalità di una giovane e moderna “magna comitissa” (anche lei bionda e dal volto color del giglio come Matilde), continuerà a raccontarci belle storie di imprenditorialità e, soprattutto, di amore per il proprio territorio.

Elena B. Ornaghi

WEB SITE