Sulle tracce dei fratelli Grimm

Viaggio in Germania per festeggiare i 200 anni dei Musicanti di Brema

Da Hanau a Brema: sulle tracce dei fratelli Grimm lungo la Strada delle Fiabe

“C’era una volta” una strada incantata… C’era e c’è ancora! Si tratta della Strada tedesca delle Fiabe (Märchenstraße).

Creata nel 1975, oggi rappresenta uno degli itinerari più affascinanti di tutta la Germania.

Collega Hanau a Brema e attraversa, per oltre 600 km, paesaggi, borghi e castelli da fiaba: 70 scenari unici da cui i fratelli Grimm hanno tratto ispirazione per i loro racconti.

Scegliamo di percorrere le tappe principali della Märchenstraße, quei luoghi magici che hanno dato vita alla Bella Addormentata, Raperonzolo, Il Pifferaio magico, I Musicanti di Brema… e tutte le altre fiabe che hanno segnato la nostra infanzia.

Scriveva Antoine de Saint-Exupery: «Tutti i grandi sono stati bambini una volta. Ma pochi di essi se ne ricordano». Così, attraverso questo breve viaggio, vorrei rivivere insieme a voi le sensazioni di spensieratezza e magia di quando eravamo bambini.

Il percorso che vi propongo comincia da Hanau, cittadina a 20 km da Francoforte, e termina a Brema, dove festeggeremo i 200 anni dei Musicanti di Brema.

Pronti a ritrovare il bambino che è in voi?

HANAU

È la città natale dei fratelli Jacob e Wilhelm Grimm, ai quali è dedicato il monumento del 1896 nella Piazza del Mercato. Per conoscerli meglio, ci rechiamo al Castello barocco di Philippsruhe dove è allestita una mostra sulla loro vita.

KASSEL

Qui troviamo il Palais Bellevue, il più famoso centro di ricerca sulle opere dei fratelli Grimm, che conserva oltre centomila pezzi da collezione. Una vera chicca per gli appassionati.

Castello di Sababurg

Nei dintorni di Kassel sorgono il Castello di Sababurg, tra le cui mura è nata la fiaba della Bella Addormentata, e il Castello di Trandelburg, dove è ambientata Raperonzolo. Oggi questi castelli ospitano una romantica struttura alberghiera.

HAMELN

Qui tutto richiama la famosa fiaba del Pifferaio Magico: i topini di cui parla la storia sono ovunque, sulle mattonelle delle strade e sui muri delle case.

Seguendo le loro tracce si scoprono le principali attrazioni della città, tra cui il carillon a 39 campane che ogni giorno alle h11.30 vede animarsi le figure dei personaggi della fiaba.

Vi consiglio di visitare la città da maggio a settembre: ogni domenica, infatti, si svolge una rievocazione storica, con costumi tradizionali, che inscena gli episodi del racconto.

Da Hameln, in circa 2 ore di auto, raggiungiamo la destinazione principale del nostro viaggio:

BREMA. Il cuore della Germania nord-ovest

Brema è la città anseatica più importante della Bassa Sassonia. Si tratta di una città dai mille volti, che sa unire cultura, tradizione, natura e scienza.

Il centro storico è un gioiello di storia e arte. Qui sorge infatti uno dei palazzi comunali più belli della Germania: il municipio di Brema, patrimonio UNESCO dal 2004. Costruito nel XV secolo, è uno straordinario esempio di architettura barocca e rinascimentale.

Merita una visita la taverna del municipio, che ospita la più grande raccolta di vini tedeschi del paese.

Nella piazza su cui verte il municipio troviamo due statue importanti: la statua del cavaliere Rolando, simbolo delle libertà civili, e quella dei Musicanti di Brema, in onore della celebre fiaba dei fratelli Grimm.

Musicanti di Brema

I protagonisti della fiaba (un asino, un cane, un gatto e un gallo) sono disposti l’uno sopra l’altro, a formare una piramide in cui l’asino è alla base. Si dice che toccare le zampe dell’asino porti fortuna… Provare per credere!

La fiaba dei Musicanti di Brema, scritta ben 200 anni fa, narra la storia di un riscatto: i quattro animali, infatti, maltrattati dai padroni, decidono di andare a Brema per diventare musicisti nella banda della città.

Così i Musicanti di Brema diventano l’emblema della libertà, al pari di Rolando. Il risultato? Un mix di fantasia e storia, su cui la città di Brema fonda il proprio orgoglio.

Ma Brema è tanto altro…

Bürgerpark

È una città perfetta da visitare in bici, alla scoperta dei suoi parchi cittadini: in particolare, vi consiglio il Bürgerpark, una delle opere verdi più riuscite del XIX secolo, oppure il Wallanlagen, famoso per l’unico mulino a vento rimasto nella zona.

È la città del buon cibo e degli ottimi ristoranti sul fiume Weser. Si può cenare anche a bordo di vecchie navi… Per vivere un’esperienza unica e indimenticabile!

È una città in cui antico e nuovo convivono in armonia: il quartiere Schnoor, coi suoi vicoli tortuosi e le piccole case a graticcio del XV secolo, è un vero e proprio gioiello che non si può non visitare.

Chi preferisce la modernità, invece, può perdersi tra le sale del Museum Weserburg, che espone le opere di artisti internazionali contemporanei, o dell’Ubersee Museum, che possiede una delle migliori collezioni etnografiche del Paese.

Insomma, a Brema ce n’è davvero per tutti i gusti, oltre che per tutte le età. È infatti la città dove i grandi possono tornare bambini e vivere così una vacanza… da fiaba.

Chiara Pompeo

www.germany.travel
www.deutsche-maerchenstrasse.com
No Comments Yet

Comments are closed