Tutto il bello della Toscana

Tenuta di Artimino: la tua oasi di pace e serenità

Tenuta di Artimino apre i battenti e vi accoglie tra le nobili atmosfere toscane alla scoperta dei sapori e della bellezza del territorio

Il paradiso è a due passi da casa

La stagione 2020 ha finalmente preso il via. E lo fa alla grande, con l’apertura della Tenuta di Artimino. A soli 20 km dalla bellissima Firenze, concedetevi un soggiorno all’insegna di bellezza, benessere e sicurezza.

Tenuta di Artimino è una delle eccellenze che contribuiscono a fare grande la Toscana.

Situata alle porte del Chianti, in passato era un antico insediamento etrusco poi trasformato in borgo medievale e residenza di caccia della famiglia de’ Medici. Oggi è un’oasi di pace senza eguali, un angolo di paradiso che grazie alla passione e professionalità del personale, diventa il luogo perfetto per un soggiorno rigenerante circondati dal verde delle colline e dall’azzurro del cielo.

Tenuta di Artimino è un immenso resort che propone diverse soluzioni abitative, per accontentare gusti ed esigenze di tutti

Hotel di charme, case coloniche toscane e 59 appartamenti nel borgo medievale garantiscono un soggiorno d’eccellenza rispondendo, in particolare modo quest’anno, ai più alti standard di sicurezza e prevenzione (definiti nel rispetto delle nuove regole e protocolli previsti).

Molto richieste le sistemazioni nel borgo e nelle residenze di campagna “Le Fagianaie”, che offrono la formula del check-in online all’arrivo per evitare assembramenti.

Appartamenti in stile toscano e country in cui possono alloggiare fino a un massimo di sei persone e cinque case Deluxe con terrazza o giardino privato. Tutti con ingresso indipendente, angolo cucina e parcheggio.

Circondati dalla natura

Fiore all’occhiello della Tenuta è sicuramente la natura. Uno spazio infinito e incontaminato che si stende su 730 ettari e si sviluppa intorno alla Villa medicea “La Ferdinanda”, Patrimonio Unesco.

Immersa nel verde, la piscina in cui tuffarsi per un po’ di relax, il campo da tennis per giocare e tenersi in allenamento, pic-nic tra i vigneti ed escursioni alla scoperta del territorio in sella a una e-bike o alla guida di una jeep (in totale libertà o accompagnati dalla guida).

E ancora yoga, massaggi, trattamenti beauty. Per gli amanti di animali e natura, una piacevole passeggiata a cavallo è sicuramente un’esperienza indimenticabile. E poi il golf nel vicino Pavoniere (un percorso di 18 buche disegnato da Robert Palmer).

Per i più esigenti, servizi “tailor made” come il private chef per una cena gourmet o il brunch “riservato”, servizio delivery dei prodotti dello shop e dell’orto di Tenuta di Artimino o una carica di benessere da concedersi in Spa.

Solo durante la stagione estiva, poi, ogni domenica è aperta e visitabile al pubblico la villa rinascimentale.

Dulcis in fundo

Spazio al sapore con le esperienze culinarie del ristorante gourmet Biagio Pignatta cucina e vino. Accomodatevi nell’ampio dehors e lasciate parlare i piatti, che esaltano sapori e cultura del territorio.

Siete a dieta per arrivare perfette alla prova costume? Nessun problema, Tenuta di Artimino ha pensato anche a voi con pietanze di verdure freschissime raccolte nell’orto.

Pane, vino, olio, in Toscana non mancano certo i piaceri della buona tavola. Se però volete fare un giro dietro i fornelli, ecco i corsi di cucina con lo chef e tante esperienze per imparare divertendosi.

Abbinati ai prodotti d’eccellenza, non possono certo mancare i vini. Come quelli pregiati della cantina vinicola di Artimino, che nascono da 70 ettari di vigne che circondano la tenuta, con nobili vitigni come il Sangiovese e il Cabernet (probabilmente portato nella zona da Caterina dei Medici nel XVI secolo).

E ancora il Carmignano DOCG e il Chianti DOCG, simbolo della Toscana nel mondo. Insomma, siamo sicuri troverete tempo per un brindisi.

Le degustazioni avvengono in cantina o al ristorante, con abbinamenti cibo-vino organizzati dall’agronomo dopo un’affascinante passeggiata nei vigneti o per coppie, famiglie e gruppi di amici.

All’appello non manca proprio nulla, non resta che fare le valigie.

Alessandra Borgonovo

www.artimino.com
No Comments Yet

Comments are closed