Passeggiate a due passi da Verona

Tra valli e monti: panorami e scorsi della provincia scaligera

Scenari a prova di cartolina per gli amanti della montagna o delle passeggiate, a due passi da Verona

Stimoli e scenari mozzafiato quelli della provincia veronese nel Veneto: escursioni in quota in Lessinia per gli amanti della montagna, gite tra borghi e fortificazioni immerse nel verde della Pianura veronese per chi ricerca un momento di relax, magari con una passeggiata lungo il corso dell’Adige.

A poche decine di chilometri da Verona, si possono trovare punti di partenza per numerosi percorsi di impareggiabile bellezza, con spunti di natura storico-culturale e gastronomica.

L’altopiano della Lessinia tra storia e paesaggi

Nell’aria frizzantina del mattino, partendo da Verona a meno di un’ora si raggiunge Bosco Chiesanuova: uno dei principali comuni della Lessinia, situato a una altitudine di poco più di 1.100 metri. Dalla piazza della chiesa, si dipana un piacevole itinerario ad anello della durata complessiva di circa due ore e mezza, che passa per le contrade di Bosco Chiesa Nuova, luoghi simbolo dell’architettura locale cimbra.

Anche nei comuni limitrofi ci si può imbattere nella storia locale, passando tra trincee e fortificazioni, innalzate per difendere le città dai nemici.

Per chi invece è alla ricerca di uno scenario meno antropizzato, ideale è un’escursione alla scoperta della flora e della fauna locali nel Parco Naturale Regionale della Lessinia: un’oasi verde che si estende per circa 10.000 ettari.

Da non perdere poi, è la Grotta di Monte Capriolo, nota anche come “Grotta di Roverè 1000” oppure “Grotta del Sogno”, situata all’interno del Comune di Roverè Veronese, vicino alla Contrada Capraia.

Ideali per ricaricale le batterie sono i tipici “Gnocchi sbatùi”, il cui impasto viene sbattuto fino a diventare consistente.

La pianura dei Dogi, dove la vita agreste continua a vivere

A sud di Verona si apre una vasta area pianeggiante solcata dall’Adige e da numerosi corsi d’acqua minori: quest’area è caratterizzata dall’alternarsi di campi coltivati, aree verdeggianti, corti rurali, chiese romaniche, castelli e fortificazioni.

Questa zona, denominata Pianura dei Dogi, si contraddistingue per la sua tradizione contadina, sinonimo di uno stile di vita autentico e genuino, orientato verso un senso di calorosa ospitalità: se si inizia una passeggiata tra i campi e le antiche corti, immancabile sarà una sosta per gustare i famosi risotti “al tastasal” presso una delle numerose aziende agricole.

Numerosi poi, i siti naturalistici racchiusi della pianura veronese: dal Bosco del Tartaro, al Parco dei due Tioni, passando per il Parco del Menago di Bovolone o per il Parco delle Vallette di Cerea.

Beatrice Citron

 

No Comments Yet

Comments are closed