Dal lago di Garda, cento chilometri di gusto

Il Cammino del Bardolino, a piedi o in bicicletta verso le colline dell’etichetta DOC  

Sono diciotto i percorsi naturalistici che vedono protagonista la famosa denominazione vinicola  

Pronta l’App per trasformare il telefono in una “guida” del territorio che parte dal vino e arriva alle bellezze ambientali, storiche e artistiche    

©Valentino Alberti

Parte dal lago di Garda e si inerpica su per le colline.

Stiamo parlando del Cammino del Bardolino, un percorso di cento chilometri per gli amanti della natura e del buon vino che a tappe successive si può fare in bicicletta o a piedi per scoprire il Bardolino DOC.

Un’esperienza da mettere senza dubbio nella “To do list” turistica alla fine del confinamento dovuto alla pandemia.

Cos’è il Cammino del Bardolino?

©Valentino Alberti

Cento chilometri di sentieri circondati dalle vigne sono stati inseriti in diciotto percorsi naturalistici che prendono il nome dalla denominazione vinicola più celebre del territorio.

Sono sessantuno le aziende vitivinicole che producono il Bardolino DOC nei sei comuni attraversati dal Cammino: Bardolino, Affi, Costermano, Cavaion Veronese, Garda e Rivoli (tutti in Veneto).

Alcune di queste strutture offrono la possibilità di soggiornare per vivere al meglio l’esperienza e svegliarsi affacciati su panorami straordinari.

Un turismo lento, lontano dalla folla…

Inaugurato con l’obiettivo di favorire una tutela attiva del paesaggio e lo sviluppo socioeconomico del territorio, il Cammino del Bardolino diventa una risorsa preziosa del turismo rurale italiano. 

Scoprire il Cammino del Bardolino significa tornare al turismo lento di una volta, lontano dalla folla e dal “mordi e fuggi”.

Dopo aver lasciato l’auto in sicurezza nei parcheggi gratuiti ai confini del Cammino, inizierà una nuova esperienza di turismo.

… però digitale!

Lungo il percorso, sono stati installati 53 cartelli dotati di QR Code che indicano il tracciato con segnaletica dedicata e forniscono informazioni e curiosità sui luoghi di interesse storico (come il Museo del Vino a Costabella di Bardolino), religioso e artistico, oltre a consigli sui prodotti tipici del territorio.

I sentieri del Cammino sono dotati anche di molte aree attrezzate per consumare in tranquillità uno spuntino al sacco.

È facilissima la scelta del sentiero più adatto alla propria condizione fisica e ai propri desideri: si va dai tracciati più brevi (tre o quattro chilometri) a quelli più impegnativi, fino a venti chilometri.

Tutti a scaricare la BardolinoApp!

Bardolino – vigne

Il Comune di Bardolino, oltre a sostenere il Cammino di valorizzazione enoturistica, lancia un nuovo progetto che racconterà la storia e le caratteristiche del territorio.

L’iniziativa si chiama “Bardolino Guide” e prevede la realizzazione di audioguide geolocalizzate oltre alla produzione di podcast turistici distribuiti sulle maggiori piattaforme di streaming.

Le audioguide, che saranno in tre lingue (italiano, inglese e tedesco), racconteranno le principali evidenze artistiche, naturali e storiche del territorio e saranno disponibili scaricando la BardolinoApp, “contenitore” delle informazioni turistiche, che invierà una notifica all’utente ogni volta che si troverà nei pressi di un luogo di interesse artistico, naturale o storico.

Ma anche il paese di Bardolino è uno scrigno di storie. In questa piccola insenatura, pure passeggiare in centro è un’esperienza da vivere intensamente, un viaggio nel tempo, passato e presente che si fondono nei palazzi e negli stretti vicoli.

Bardolino non ha solo un bel panorama e del buon vino, ma è anche culla di un importante patrimonio storico e artistico fatto di chiese, monasteri, ville e fortificazioni.

Si tratta di un piccolo mondo antico che racchiude un’offerta turistica varia e ricchissima, rimasta sostenibile per scelta, che va assaporata lentamente, per gustarne ogni momento di bellezza.

ST