La Ribera, ovvero il volto velato di Barcellona

View Gallery 3 Photos

La Ribera un quartiere ricco di sapore e dal fascino bohemienne

Se volete provare un’esperienza unica, visitate il quartiere medievale della Ribera a Barcellona in Spagna

Santa Maria del Mar

Tra antiche facciate in pietra squadrata si inerpicano stretti viali punteggiati da piccoli alberi, che gettano pigre ombre nella luce fioca del pomeriggio: questa è la Ribera.

La Ribera è un quartiere di Barcellona, conosciuto anche come El Born (Born significa torneo), proprio perché era sede delle mirabolanti giostre medievali.

Accessibile dal Quartiere Gotico prendendo la via Layetana, tra il XIII e il XV secolo la Ribera costituiva, infatti, il centro economico e finanziario di Barcellona, sede di botteghe di artigiani e di mercanti, mentre, successivamente, è divenuta il baricentro artistico della città per molti secoli.

Ancora oggi conserva l’atmosfera dell’antica Barcellona, dimora dei bohémiens, delle gallerie d’arte e dei musei. Nelle stradine medievali è possibile, infatti, rinvenire una pluralità di ristoranti, locali e botteghe.

Si tratta di un quartiere dall’identità ben definita, di ispirazione fortemente artistica, che presenta numerosi luoghi attrattivi per i turisti, sebbene sia meno nota dei siti di richiamo più popolari.

Tra questi capeggia la Chiesa di Santa Maria del Mar.

La Ribera -Chiesa di Santa Maria del Mar © Turisme de Barcelona
La Ribera -Chiesa di Santa Maria del Mar © Turisme de Barcelona

Il suo nome celebra il contributo economico e di fatto che i pescatori del quartiere diedero nella costruzione di tale edificio.

Fu proprio dei marinai, in particolari dei bastaixos, gli scaricatori di porto, l’impulso di edificare un luogo di culto che potesse raccogliere le proprie necessità spirituali all’interno del proprio quartiere, in contrapposizione alle chiese volute dai notabili della città.

Costruita dal 1329 al 1384, i capitelli ritraggono scene di vita marittima, appunto per dare risalto ai principali benefattori.

Si tratta di un classico esempio di gotico catalano puro, differente da quello francese, in quanto viene esaltata la dimensione orizzontale dell’edificio, grazie a modanature e cornici.

La semplicità delle linee discorda con il rosone, dall’aspetto flamboyant (aggiunto successivamente in quanto quello originario fu distrutto a seguito di un terremoto), mentre ricorre, ancora, all’interno, caratterizzato da una forte sobrietà decorativa.

È possibile attraversare il quartiere percorrendo la passeggiata del Born, una caratteristica strada pedonale, costellata di bar e negozi

Alla fine della passeggiata si trova il Mercat del Born, una moderna struttura in acciaio e vetro realizzata nel XIX secolo.

El Born -Centro culturale – La Ribera 2© Turisme de Barcelona

Nel 1998, durante una fase di ristrutturazione per trasformare l’edificio in una biblioteca pubblica, furono rinvenuti i resti delle antiche case del quartiere, che furono distrutte da Filippo V di Spagna per costruire poi la Cittadella, ovvero la fortezza della città, e sono tuttora visibili all’interno, testimonianza delle origini medievali della Ribera.

È un’opera di notevole pregio artistico, invece, il Palazzo della Musica Catalana, progettato da Lluis Domènech i Montaner, magnifico esempio di Art Nouveau, tanto che è stato insignito del titolo di Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1997.

Si tratta del risultato dell’armonica integrazione tra le arti decorative e l’artigianato. I robusti mattoni rossi e il ferro sono sapientemente combinati con le vetrate policrome e le delicate decorazioni scultoree.

Un’esperienza indimenticabile consiste nell’assistere a un concerto nella sala dedicata, sul cui soffitto si trova una meravigliosa cupola istoriata capovolta in vetro policromo, in grado di diffondere splendidi giochi di luce nell’ambiente circostante.

Alla fine di un’estenuante giornata, dopo aver esplorato questo peculiare quartiere, pranzato in una taverna gourmet e visitato le antiche chiese, gli ospiti potranno cogliere un’occasione di evasione dal marasma della città raggiungendo il Parco della Cittadella.

Il Parco della Cittadella fu costruito nel 1888, in occasione dell’Esposizione Universale, e sorge sulla demolita fortezza (ovvero la Cittadella) voluta da Filippo V di Spagna.

Sono ancora visibili gli antichi edifici quali la Cappella, il Palazzo del Governatore e l’Arsenale, attualmente sede del Parlamento della Catalogna.

La Ribera – Parlamento della Catalunya © Turisme de Barcelona

Attraversando questo ambiente bucolico, è possibile concedersi un momento di relax noleggiando una barchetta per veleggiare sul silenzioso Lago di Barcellona.

Dall’altro lato del parco, invece, si trova lo Zoo di Barcellona e il Museo Zoologico, l’opportunità ricreativa per eccellenza adatta ai bambini.

Margherita Turdò

SOCIAL FB
#VisitSpain Per informazioni visitate www.spain.info
No Comments Yet

Comments are closed