Ammirando l’Italia…da nord a sud

Italia on tour con Viaggi di Boscolo: l’arte del viaggio e dell’accoglienza

Patria di storia, arte, buon cibo. L’Italia è un capolavoro di bellezza che attraversa regioni, città, quartieri, arrivando fino ai vicoli più nascosti.

Desiderate fare una full immersion in questa meraviglia ma non sapete proprio da dove cominciare? Niente paura, vi accompagniamo noi seguendo i preziosi consigli di Viaggi di Boscolo

Le tre città d’arte italiane protagoniste dell’autunno 2020

Trieste: città dal fascino ineguagliabile

Chi non ha mai letto, per diletto o durante i tempi scolastici, qualche titolo di James Joyce e Stendhal? Dall’Ulisse a Il rosso e il Nero, o ancora La Certosa di Parma.

Ci piace pensare che parte dell’ispirazione per questi grandi capolavori sia stata attinta da Trieste. Città ricca di fascino e architettura, un angolo d’Italia in cui respirare bellezza e cultura a pieni polmoni.

Volete visitarla ma non sapete da dove cominciare? Il modo migliore è partire dall’alto, ammirando il Golfo da Colle San Giusto. Qui si trova anche l’omonimo castello medievale, la Cattedrale e il Parco della Rimembranza.

Dirigendoci verso il centro, invece, scopriamo Piazza dell’Unità, che si affaccia sul Molo Audace, in cui si trovano alcuni tra i palazzi più importanti della città. Palazzo della Luogotenenza austriaca, sede della Prefettura, Palazzo Stratti con il suo elegantissimo Caffè degli Specchi, Palazzo Modello, sede del Municipio, Palazzo Pitteri e Palazzo della Regione.

Simbolo di Trieste è il Castello di Miramare. Costruito attorno al 1855 per volontà dell’arciduca Massimiliano d’Asburgo. Affacciato sul mare e circondato da un maestoso parco, il Castello ospita al suo interno un Museo Storico davvero imperdibile.

Per i più sportivi, invece, un’escursione sulle colline del Carso percorrendo il panoramico sentiero Rilke, affacciato sulla baia di Sistiana, è il modo migliore per ammirare Trieste da un’altra prospettiva, ancora più suggestiva ed emozionante.

www.boscolo.com

Infinita storia e arte contemporanea nei quartieri di Roma

Storia millenaria e arte contemporanea si fondono alla perfezione nella città eterna: Roma.

Visitando il quartiere di San Giovanni (uno tra i più antichi) sarete catturati dalla maestosità della Basilica di San Giovanni in Laterano e la Basilica di Santa Croce in Gerusalemme. Qui la porta dell’orto, opera in ferro battuto decorata con pietre colorate, è un capolavoro di arte e modernità.

E proprio per chi ama immergersi nell’arte contemporanea, tappa obbligata è il quartiere Nomentano.

Il MACRO, Museo d’Arte Contemporanea, custodisce ben 6000 opere della seconda metà del XX e del XXI secolo.

Allontaniamoci un po’: destinazione EUR. Ad accoglierci è l’opera dello scultore Pomodoro: Novecento.

Un obelisco di 21 metri che rappresenta i tragici avvenimenti del secolo scorso.

Passeggiando tra le piazze e le fontane del centro, invece, scopriamo alcune tra le opere più belle di tutte.

Dalla poetica Piazza Navona alla fotografatissima Piazza di Spagna, passando poi per Fontana di Trevi, scrigno dei desideri di tutto il mondo.

www.boscolo.com

Le diversità sono fonte di ricchezza a Palermo

Palermo non è una semplice città, ma una vera e propria esperienza multiculturale che si vive e respira in ogni angolo.

Nei secoli Greci, Romani, Spagnoli, Arabi, Normanni l’hanno abitata, lasciando ognuno la propria eredità in fatto di architettura, gastronomia e tradizioni.

Il ripieno degli arancini, per esempio, prelibatezza indiscussa di questa regione, è di origine araba.

E perché non cominciare proprio dalla tavola per scoprire tutte le bontà di questa città dai mille volti.

Lo Street Food è una antica tradizione che si può ancora oggi vivere facendo tappa ai tipici banchetti situati fra vicoli e piazze.

Quando la pancia è piena, tutto è più bello. Nel centro storico si erge l’imponente Palazzo dei Normanni, la più antica residenza reale d’Europa. E ancora i palazzi e monumenti di Via Vittorio Emanuele (antica via della città) e Piazza Bellini, in cui sorgono le tre chiese: Chiesa della Martorana (o Santa Maria dell’Ammiraglio), San Cataldo (stile normanno-arabo) e Chiesa Barocca di Santa Caterina.

La Zisa, palazzo costruito in stile arabo, è uno tra i più affascinanti di Palermo.

E cosa dire dell’antico quartiere arabo degli Schiavoni? Per poi arrivare al Foro Italico. Una passeggiata circondati da architettura e verde con in mano una squisita granita è proprio quello che ci vuole per concludere il tour con il sorriso.

www.boscolo.com

Alessandra Borgonovo

No Comments Yet

Comments are closed