In Ticino. Una natura in piena fioritura

In Ticino, per respirare a pieni polmoni l’aria di primavera

Camelie, magnolie e azalee sono solo alcune delle meraviglie che troverete nel canton Ticino

Le dimore dei sognatori, qualità floreali rarissime e antichi reperti archeologici: tanti sono gli elementi distintivi dei parchi della regione del Ticino.

Oggi vi riveleremo quattro riserve tra di loro molto differenti, ognuna dotata di un fascino tutto suo.

Parco delle Gole della Breggia

Nella zona più meridionale della regione del Ticino, al confine con l’Italia, è situata quest’area protetta di ben 65 ettari.

Questo parco offre al visitatore uno scenario peculiare: numerose pareti calcaree, picchiettate da verdeggianti arbusti boschivi, lambiscono il fiume Breggia.

Si tratta di formazioni risalenti a milioni di anni fa, un patrimonio archeologico unico nella zona del Ticino.

Al fine di esplorare al meglio le differenti sfaccettature del parco, gli ospiti possono optare tra due percorsi diversi: quello prettamente storico, da un lato, e quello dedicato ai gioielli archeologici, dall’altro.

Il primo parte dal Mulino del Ghitello.

Costeggiando il fiume, i visitatori incontreranno numerosi reperti storici, quali l’antica cementeria Saceba e l’antica birreria. Percorrendo poi una strada costruita nell’800, si troveranno dinanzi alla gotica Chiesa Rossa e a un meraviglioso castello medievale, per arrivare infine al Mulino da Canaa.

Il secondo parte proprio dal Mulino da Canaa, dove sono situati residui calcarei datati di 190 milioni di anni fa. Gli ospiti percorreranno poi le spaventose gole del Buzun dal Diavul e arriveranno infine alla Cava di Biancone.

SOCIAL FB

 

Parco delle camelie di Locarno

Un parco intero dedicato alla iconica Camelia japonica, il bocciolo rosa cantato dalla grande letteratura.

Un percorso fiorito, alternato da aiuole e ponticelli in legno, vi condurrà in un ambiente bucolico, ideale per allentare il proprio ritmo vitale.

Inaugurato nel 2005, il parco è un’attrazione di fama internazionale, grazie al prezioso patrimonio botanico coltivato: sono presenti, infatti, 850 specie di camelia nomenclate, oltre a 70 ancora da identificare.

Parco Monte Verità di Ascona

Specie floreali di grande bellezza e rigoglio sorgono su un terreno dalle qualità straordinarie, in un paesaggio dal clima clemente e dolce: un vero paradiso sulla Terra.

Tanto che agli inizi del ‘900 divenne la casa di una comunità di idealisti, che trovarono rifugio qui, lontano dalla realtà contemporanea permeata da guerre e odio. Rinominarono, così, il Monte Monescia proprio Monte Verità.

Nel distretto di Locarno, a sud del Ticino, in particolare, nel comune di Ascona, sorge quest’area boschiva di oltre 72,000 metri quadrati.

È possibile ammirare qui gli edifici costruiti nel corso dei decenni da parte della comunità umana che viveva nel parco, costituita per lo più da intellettuali e artisti.

Si tratta di piccole opere d’arte che riflettono il susseguirsi dei movimenti artistici del ‘900: primo fra tutti, l’iconico albergo in stile Bauhaus.

Inoltre, il parco è una riserva naturale di incredibile ricchezza, grazie alle numerose varietà di piante native. In particolare, visitando la Casa del tè “Loreley” rimarrete estasiati dal giardino Zen e dal sentiero del tè.

SOCIAL FB

 

Parco Ciani di Lugano

Un’oasi a pochi passi dal centro di Lugano, nell’estremo sud del Ticino, il Parco Ciani consente ai visitatori di prendere una pausa dal ritmo roboante della città: vi basterà sedervi su uno dei cornicioni che si affacciano sulle acque del Lago Ceresio e contemplare la placida vita naturale che scorre tutto intorno a voi.

Si tratta di 63,000 metri quadrati disseminati di zone boschive e aiuole coloratissime. Passeggiando lungo i sentieri del parco, agli ospiti si offre una vista privilegiata del panorama cittadino.

Se vi troverete davanti a una villa dal colore rosa, non è un’illusione: si tratta di Villa Ciani, l’edificio che dà il nome al parco, sede di innumerevoli esposizioni e esibizioni culturali, che si susseguono senza sosta durante l’anno.

Margherita Turdò

www.ticino.ch
No Comments Yet

Comments are closed