Nantes, la città atlantica della Loira

Il freddo Atlantico abbraccia l’accogliente terra della Loira nella sorprendente città di Nantes in Francia

Un territorio fertile, fonte di ricchezze autoctone ineguagliabili, come formaggi unici e vini raffinati, su cui nasce la città di Nantes

Si tratta di una città che ogni anno accoglie nuovi turisti, grazie a un’offerta culturale che presenta sempre più numerose opere contemporanee, senza tuttavia abbandonare il patrimonio storico della regione.

Voyage à Nantes, per scovare il tesoro culturale della città

Un percorso permanente lungo dodici chilometri, seguendo la linea verde tracciata a terra, vi consentirà di esplorare il centro storico e l’Île de Nantes, attraverso ben 54 tappe.

L’inaugurazione si terrà la notte del 6 luglio, una notte indimenticabile in cui sarà possibile fare visite notturne ai musei, assistere a performance live in strada e sostare presso i cafè aperti per il vostro divertimento.

Il tour è attivo fino al 1° settembre e tante sono le installazioni effimere appositamente create per questa occasione.

Si tratta di un momento in cui la città esalta il proprio profilo artistico. Per esempio, molte insegne dei locali commerciali saranno reinterpretate dagli artisti.

Il Castello dei Duchi di Bretagna coniuga Medioevo e alta tecnologia

© Philippe Piron

Una dimora rinascimentale dalla facciata di tufo, esemplare tipico di castello della Valle della Loira, il Castello dei Duchi è dotato di 32 sale espositive.

All’interno, tuttavia, vi sorprenderà, in quanto presenta una forte impronta tecnologica: sarà possibile, ad esempio, fare un viaggio virtuale nella Nantes del 1757.

Musée d’histoire de Nantes (Loire-Atlantique). © Bernard Renoux/LVAN

Dietro le mura è situato, inoltre, il museo storico di Nantes, che presenta un percorso sulla storia della città e della regione, in cui tuttavia non manca uno stretto collegamento con gli accadimenti nazionali e mondiali, il tutto coadiuvato da un impianto tecnologico di alto livello.

Le sorprendenti Machines de l’Île

Les Machines de l’île, Nantes © Romain Peneau / LVAN

Entità meccaniche monumentali, ispirate dai fantastici mondi di Jules Verne, sorgono nella zona dove si trovavano, fino al XX secolo, i cantieri navali, a ovest dell’Île de Nantes.

Un mastodontico elefante di dodici metri di altezza barrisce e spruzza acqua dalla proboscide, per accogliere i visitatori impavidi nel suo ventre e portarli a spasso per la città per un tour di 30 minuti.

Proseguendo si incontra il carrousel des mondes marins, una giostra di 25 metri di altezza, strutturata su tre piani, che rappresentano i fondali marini, gli abissi e la superficie del mare.

Popolata da 36 creature marine, tale giostra vi offrirà una strabiliante coreografia di pesci volanti e navi in tempesta.

L’Estuaire consente di ammirare l’arte contemporanea seguendo il corso del fiume Loira

Huang Yong Ping, Serpent d’océan, Saint-Brévin-les-Pins (France), percorso Estuaire Nantes Saint-Nazaire © Franck Tomps / LVAN

Un percorso di 60 chilometri, concepito da Jean Blaise, per contemplare sculture e architetture, frutto dell’estro di artisti internazionali.

Visitabile tutto l’anno, spesso presenta installazioni create sul posto per essere accessibili a tutti a piedi, in bici o in auto.

Estremamente suggestiva è l’escursione a piedi dell’Estuaire by night, oltretutto, con la possibilità di essere accompagnati da una guida.

Jean Jullien, Le Nid, Tour Bretagne – Nantes, creazione perenne Le Voyage à Nantes 2012 © Marc Domage/LVAN

L’Île de Nantes non si ferma mai

Un laboratorio urbano in cui l’espressione artistica contemporanea si rinnova ogni anno. Da quando sono stati chiusi i quartieri navali nel 1987, i 377 ettari sono stati riorganizzati grazie all’opera di architetti di fama internazionale, quali Jean Nouvel e Marcel Smets, e, successivamente, Claire Shorter e Jacqueline Osty.

Sono stati creati sette quartieri, tra cui Euronantes, il polo d’affari della regione, e il cluster Quartier de la Création, dedicato alla cultura in tutte le sue forme, sede di scuole e aziende.

Nantes, la patria del Muscadet

Champ des producteurs 2016

Vino bianco rinomato in tutto il mondo, coltivato nel vigneto del Val de Loire, la terza regione vitivinicola francese doc, il Muscadet è uno dei pregi della regione, accompagnamento ideale per degustare le ostriche.

È chiamato anche Muscadet sur Lie, ovvero “sui lieviti”, in quanto resta a contatto con i depositi di lievito per ben sei mesi: grazie ai loro sali minerali, sono proprio tali lieviti a conferire al vino il suo tipico aspetto perlato.

Margherita Turdò

SOCIAL FB
www.levoyageanantes.fr
SOCIAL FB
www.nantes-tourisme.com
@visitnantes  #visitnantes #nantes #lvan #FranceFR 
No Comments Yet

Comments are closed